In molte occasioni ho dovuto rendere interattivi alcuni oggetti d’uso comune, come ad esempio rubinetti, girandole, funi, telefoni a gettoni e persino un tavolo da ping pong. Tutto ciò rientra in un campo esperimentale affascinante che mi permette di rendere più umana la tecnologia che c’è alla base degli exhibit multimediali e crea una migliore empatia tra pubblico e multimedialità. Nel video che vi propongo si possono vedere alcuni esempi di oggetti interattivi che ho sviluppato per mostre e musei ma gli interventi che ho fatto in questo campo sono molteplici e spero in futuro di poterli documentare in modo più approfondito.